Nato a Camprodonnel nel 1860, nella provincia catalana di Girona, fu un bambino prodigio.

Nel 1864, a soli quattro anni, debuttò al pianoforte davanti al grande pubblico del teatro Romea di Barcellona.

Dopo aver assunto lezioni private da Antoine François Marmontel a Parigi, dove continuava a esibirsi, nel 1867  sostenne e superò l'esame di ammissione al conservatorio di Parigi ma a causa della sua giovane età viene rifiutato, pertanto torna a Madrid dove segue gli studi ne locale conservatorio.

Il giovane Isaac tenne  in date imprecisate intorno al 1875  concerti negli Stati Uniti, a Londra e a Lipsia, per essere poi ammesso al conservatorio di quest'ultima città, e poco dopo si trasferisce al

conservatorio di Bruxelles,divenne infine allievo di Liszt a Budapest, Weimar e Roma.

Nel 1883 sposa  l'allieva Rosina Jordana. Nel frattempo fa la conoscenza di Felipe Pedrell, considerato il fondatore della scuola musicale nazionale spagnola. Questi lo esortò a sviluppare il patrimonio musicale nazionale, che Albéniz avrebbe poi calato nelle sue celebri suite.

Dopo un periodo di vita familiare a Madrid, fu di nuovo a Parigi e a Londra, dove visse dal 1889, stabilendo in Francia (1893) la residenza principale. A Parigi strinse amicizia con Chausson, Debussy, Dukas, Fauré e insegnò pianoforte alla Schola cantorum.

Nel 1900, mentre iniziava a soffrire di disturbi renali, tornò a comporre per il pianoforte. L'opera considerata il suo capolavoro, la suite Iberia, risale appunto agli ultimi anni, dal 1905 in poi. Morì, non ancora quarantanovenne, a Cambo-les-Bains il 18 maggio 1909, di nefrite cronica o "morbo di Bright". Fu sepolto al Cementiri del Sudoest di Barcellona.



Albeniz Isaac

Merlin

Albeniz 0000 Studio 2000 Alvarez,... 

TOP